I consumatori hanno diritto ad avere televisori, frigoriferi, microonde ed altri elettrodomestici che, a parità di prezzo, facciano lo stesso lavoro  consumando meno energia. Purtroppo alcuni produttori di elettrodomestici ed alcuni negozi non stanno seguendo le regole. Market-watch è una campagna europea che mira a scovare le aziende che si fanno beffe delle regole e che, così facendo, appesantiscono le nostre bollette domestiche e contribuiscono al cambiamento climatico.

Cos’è MarketWatch?

Sedici realtà europee della società civile hanno unito le loro forze per dare vita a MarketWatch dal marzo 2013 al marzo 2016. Attraverso una continuativa ed efficace campagna di test sugli elettrodomestici venduti nel mercato tradizionale ed online, MarketWatch ha fatto luce su produttori e rivenditori che non rispettavano le direttive ed i regolamenti europei e che, in questo modo, stavano privando i consumatori dei risparmi che avrebbero potuto ottenere cambiando elettrodomestico.

Nel corso del progetto,  ogni anno abbiamo portato a termine 110 visite in negozi fisici ed altrettante in negozi online (660 in totale) e 100 test di base su elettrodomestici; a tutto ciò abbiamo affiancato anche 20 test approfonditi, il tutto con risultati applicabili a tutti i 10 paesi partecipanti.

Siamo stati aperti alla partecipazione ed al contributo di chi, come noi, crede che questo sia un importante argomento per promuovere un vero risparmio energetico e per combattere i cambiamenti climatici : se vuoi informazioni sul lavoro svolto, scrivici una mail 

 

Perché questa campagna?

Le due direttive sull’Ecodesign e sull’Etichetta Energetica impongono ai prodotti  dei precisi limiti di consumo energetico ed altri criteri ambientali. Il controllo sul mercato serve a creare una competizione corretta tra i produttori ed i rivenditori, che a sua volta si traduce in risparmio in bolletta per i consumatori.

Si stima che la sola Direttiva Ecodesign possa fare risparmiare agli europei circa 90 miliardi di € all’anno al 2020, che si traducono in circa 280€ per ogni famiglia. Il clima è l’altro grande beneficiato dall’applicazione corretta della norma, con una stima di 2 milioni di tonnellate di CO2 non emesse ogni anno. Purtroppo la norma non è sempre correttamente applicata…

 

Carenze nel controllo del mercato

Le attività di controllo di mercato in questo settore variano da paese a paese. Si stima che fino al 20% dei risparmi ottenibili dalle due direttive si perdano a causa del fatto che prodotti non conformi e con basse prestazioni riescono comunque ad arrivare sul mercato e nelle nostre case.

Questo comporta un enorme  di spreco di energia, circa 100 TWh all’anno,  che corrisponde al consumo domestico di tutta l’Europa orientale, e si traduce in bollette più alte per tutti.

MarketWatch si è confrontato con le Autorità Competenti sul controllo del mercato Italiano, ovvero il Ministero dello Sviluppo Economico, condividendo con loro i nostri risultati e confrontandosi sulle principali criticità della materia.

 

Chi siamo?

Sono dodici le Organizzazioni che costituiscono il consorzio che da vita al progetto

Quercus (PT)
ICRT (UK)
EEB (BE)
VZBV (DE)
ANEC (BE)
ECOS (BE)
Seven (CZ)
In Italia ha aderito al progetto anche Movimento Difesa del Cittadino

Come si finanzia il progetto?

Siamo co-finanziati per un periodo di tre anni dal programma Intelligent Energy Europe Programme dell’Unione Europea.

I responsabili unici del contenuto di questo sito sono gli autori.  Non riflette necessariamente le opinioni dell’Unione Europea. Né l’EACI né la Commissione Europea possono essere ritenuti responsabili per qualsiasi uso possa essere fatto delle informazioni in esso contenute.